Ultima modifica: 4 giugno 2018

Concorso di poesia E mi sovvien… Leopardi

di Vincenza Favale

Francesca Castiglione, alunna della classe 3^D della Scuola secondaria di primo grado Gianni Rodari di Palagiano, si è classificata al secondo posto su cinquantasette partecipanti nella terza edizione del concorso di poesia E mi sovvien… Leopardi organizzato dall’associazione socio-culturale Giacomo Leopardi con sede a Mottola, in collaborazione con l’Istituto Comprensivo Manzoni  e con il patrocinio del comune di Mottola.

Destinatari dell’iniziativa concorsuale sono stati gli alunni delle classi terze delle scuole secondarie di primo grado del nostro territorio con la finalità di motivare le studentesse e gli studenti alla scrittura creativa e sensibilizzarle/li a raccontare pensieri ed emozioni con la spontaneità propria della loro età.

Il concorso chiedeva di prendere spunto da una poesia di Leopardi per evidenziarne l’attualità del pensiero e del suo modo di fare poesia.

Durante la cerimonia di premiazione svoltasi venerdì 25 maggio, presso l’Istituto Comprensivo Alessandro Manzoni di Mottola, in una platea gremita di gente, la Presidente dell’associazione Giacomo Leopardi, Insegnante Rita Colucci, il Presidente di giuria, Prof. Vito Fumarola, e l’Assessore all’urbanistica, Maria D’Onghia,  hanno consegnato all’alunna un premio del valore di duecento euro e un attestato di merito con la seguente motivazione letta dal Prof. Giuseppe D’Eredità:

La candidata esprime l’elaborato “E mi sovvien Leopardi” con un linguaggio fluido e corretto, le sue riflessioni con accenti di spontaneità, sentimenti e capacità descrittiva. In un intreccio fra devozione e tradizione riesce a rappresentare l’annuale grande e sentita festa del paese in una coerente alternanza di efficaci toni descrittivi e meditativi che si richiamano chiaramente al pensiero leopardiano.  Alla lieta attesa del dì di festa, da lei vissuto con giovanile esultanza e partecipazione, segue la sua considerazione che tutto finisce in fretta e che l’allegria cede il posto alla malinconia. È il pensiero leopardiano di una triste e universale verità.

Inoltre, sono stati consegnati gli attestati di partecipazione per gli altri studenti del nostro Istituto che hanno partecipato al concorso (Fernanda Bertino, Chiara Petrocelli e  Carmen Stellaccio di 3^D).

Di seguito la poesia di Francesca Castiglione.

 

È festa, è festa

aspetto con ansia questo giorno,

ogni anno ci ritorno,

la strada che percorro è lunga, ma non me ne rendo conto;

con gli schiamazzi e le risate,

in un batter d’occhio siamo già arrivate.

D’innanzi ai nostri occhi l’immagine della Madonna vestita a festa,

è la tradizione che si fonde con la devozione,

per ricompensare la nostra fatica,

la pasta viene distribuita.

Colori, sapori, odori e suoni allietano questo giorno di festa,

ma tutto finisce in fretta;

l’allegria cede il posto alla malinconia.

Un altro anno di attesa e si ritorna tutti insieme in questa chiesa.




Link vai su